Pane, pasta e pizza, pesano i rincari degli ultimi mesi

Le ultime dall'Osservatorio Nazionale Federconsumatori

News di Tommaso Stio — 4 settimane fa

Pizza Orto a colori dettaglio (Pizzeria La Bolla Caserta)

Nonostante se ne parlasse già da un po’, i rincari alla fine sono arrivati davvero e a farne le spese sono proprio i consumatori, con un aumento dei prezzi nella grande distribuzione (e non solo) piuttosto pesante. Tra i prodotti che più di tutti hanno risentito di questo aumento, a causa di un po’ di speculazione, raccolti più magri e problemi logistici, ci sono il pane, la pasta e la pizza ovvero tutti quei prodotti che ruotano attorno al grano e all’utilizzo di farina.

In particolare, come segnalato dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, i prezzi di alcuni prodotti alimentari sono letteralmente schizzati di diversi punti percentuali tra marzo e ottobre 2021. Stando ai dati riportati sul sito ufficiale, i rincari sarebbero stati spinti da un forte aumento del prezzo delle materie prime e da alcune problematiche legate alla logistica, sia in fase di produzione che di trasporto tra gli Stati dell’Unione Europea.

Federconsumatori rincari pane pasta pizzaz

Chiaramente stiamo parlando di beni di prima necessità e ciò rende ancora più ‘grave’ la situazione; com’è possibile notare dalla tabella di cui sopra, creata da Federconsumatori, le variazioni percentuali dei prezzi sono degne di nota e arrivano fino a un massimo di +38% riscontrato sul prezzo della farina, che in media è passata da circa 0,79 centesimi di euro fino a circa 1,09 euro al Kg.

Insomma, le variazioni di prezzo del frumento duro e del frumento tenero stanno avendo i loro effetti – seppur si tratti di pochi centesimi – anche sugli scaffali della grande e piccola distribuzione: resta da capire, a questo punto, se e in che modo ciò avrà un effetto sui rivenditori, dai forni ai ristoranti, rispetto a un aumento sempre più crescente dei costi della materia e a un conseguente, potenziale, riadattamento del prezzo di vendita del prodotto finito.

Lascia un commento