Giornata Mondiale Pizza: Masterclass e beneficienza dalle Associazioni

Le iniziative di AVPN e APN

News di Tommaso Stio — 8 mesi fa

vera_pizza_day

Per festeggiare la Pizza, ci sono tanti modi. I nostri preferiti, ormai dovreste saperlo, sono mangiarne in quantità industriale oppure provare a prepararla a casa, dandogli magari un tocco più personale. Ma da qualche tempo a questa parte, il 17 gennaio, è stata eletta la Giornata Mondiale della Pizza e anche quest’anno, al netto del Covid, non possiamo fare a meno di festeggiare il nostro cibo preferito.

In particolare per questa occasione si terranno due eventi molto diversi tra loro ma allo stesso modo interessanti per gli appassionati: il primo si chiama Vera Pizza Day ed è una masterclass gratuita organizzata dall’Associazione Verace Pizza Napoletana che farà ‘il giro del mondo’ attraverso il contributo, per un totale di ventiquattro ore di diretta ininterrotta, di numerosi pizzaioli sparsi in giro per 13 paesi del mondo. L’evento potrà essere seguito su Facebook a questo indirizzo.

I contributi avranno lo scopo di raccontare e promuovere la Pizza nel mondo ma anche quello di insegnare qualcosa agli appassionati che seguiranno l’evento da casa. Di seguito il programma completo, ora per ora:

L’altro evento che avrà luogo il 17 gennaio avrà invece come obbiettivo principale quello della beneficienza che, come abbiamo già avuto modo di vedere, nel mondo della pizza non manca mai.

Come raccontato da Padre Francesco Piccolo a Repubblica: “I pizzaiuoli prepareranno le pizze per alcune associazioni di volontariato e di carità che fanno capo ai frati francescani nella città di Napoli. Le pizze saranno consegnate ai poveri e bisognosi, tramite l’Associazione ‘La Locomotiva’, che opera presso il Convento dei frati francescani ‘La Palma’, nel Rione Sanità, che ospita circa ottanta senza fissa dimora, il gruppo di volontari della carità che fa capo ai frati del Convento di San Pietro ad Aram a Corso Umberto I, che si prende cura dei poveri alla Stazione centrale di Piazza Garibaldi, e gli operatori Caritas che si prendono cura delle famiglie povere del quartiere San Giuseppe nella zona del Monastero di Santa Chiara”.

Insomma, nonostante l’emergenza del Covid-19 che stiamo vivendo, condivisione e beneficienza non posso mancare e la Pizza, ci fa piacere dirlo, sta assumendo un ruolo sempre più centrale anche sotto questo punto di vista.

Lascia un commento